Lucchese News – LE INTENZIONI DEL SINDACO FAVILLA UN ANNO FA’…

moschinifavilla_800x800.jpgLucca, 23 agosto 2008 -. Il nuovo assetto societario prevede la carica di presidente per Giuliano Giuliani e quella di vice per Fabrizio Nieri, mentre amministratore delegato sarà Ugo Giurlani che ha seguito sin dai primi passi l’avventura della nuova compagine. Dalla prossima settimana dovrebbe diventare operativa la sede dello Sporting Lucchese, in viale San Concordio, nei locali dell’ex «Esedra». Intanto il sindaco Favilla ha inviato una lettera a tutti i consiglieri comunali per perorare la causa della nuova cittadella dello sport con annesso stadio a S.Donato.

Ecco la lettera integrale. “Caro Consigliere, desidero informarTi quanto più chiaramente possibile sulle motivazioni che mi hanno portato ad assumere alcune decisioni importanti (a carattere per ora solo personale) in merito alle vicende della squadra di calcio cittadina.
Innanzitutto – preso atto che non è stato possibile reperire operatori disposti a entrare nella società A.S. Lucchese Libertas a fianco di Fouzi né cordate di imprenditori disposti a subentrargli acquistando la società stessa – visto che la società stessa non è stata iscritta al campionato di C1 in cui militava – considerato che è ormai prassi nel nostro Paese che la FIGC affidi ai Sindaci delle città interessate, che siano disposti ad assumerlo, il compito di ricostituire le società sportive di calcio ormai non più in grado di proseguire – si sono presi contatti con la Lega Nazionale Dilettanti (LND) e con la Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) e si è scelto uno dei più qualificati studi professionali (studio Grassani di Bologna) per assisterci.
Pertanto si è proceduto con il costituire una nuova modesta s.r.l. (la S.S. Sporting Lucchese) quale contenitore pronto, a seconda della evoluzione della situazione, per presentare le occorrenti domande di iscrizione alla serie D, per predisporre un piano economico finanziario adeguato, e per essere ceduto al gruppo di operatori sportivi e di imprenditori capaci di dare una seria prospettiva alla città e al mondo sportivo cittadino. Sono state esaminate tutte le possibilità che si sono presentate e, in conclusione, l’unica percorribile serenamente è risultata quella proposta dal gruppo guidato dal sig. Giuliani della Cipriano Costruzioni.
Tale gruppo ha un progetto di lungo termine il cui presupposto di durata è costituito dalla realizzazione di un complesso sportivo polivalente; ciò implica – per la sua realizzazione – una serie di decisioni del Consiglio Comunale di non poca rilevanza che necessitano di una attenta valutazione e approfondimenti che richiedono un tempo non breve. Tuttavia, almeno un orientamento risultava determinante nell’immediatezza.
Ho quindi convocato i capigruppo consiliari per una rapida consultazione, presente lo stesso Giuliani del gruppo Cipriano, che ha esposto il suo programma sportivo e finanziario. E’ risultato, come era logico, che nessun gruppo consiliare fosse in grado di esprimere un proprio orientamento, pur apprezzando la logica e la coerenza del progetto; non era neppure possibile che i gruppi consiliari estendessero a tutti i propri consiglieri la consultazione, dato il periodo (prossimità di ferragosto) e dati i tempi estremamente ridotti.
Ho dovuto perciò assumere alcune decisioni, per parte mia; fare le valutazioni del caso e prendere alcuni impegni. La decisione è stata quella di affidare al gruppo di imprenditori guidato dalla Cipriano Costruzioni il compito di gestire la Sporting Lucchese s.r.l., di investire il capitale necessario nella società, di dare le richieste garanzie alla LND e alla FIGC, di creare l’organizzazione societaria, di costituire la squadra e l’insieme degli operatori sportivi, nella prospettiva di vedersi accolta la domanda di iscrizione alla serie D.
Le valutazioni mie le esporrò al termine di questa comunicazione, dopo aver illustrato sinteticamente il progetto, anche se esse sono il presupposto dell’impegno assunto. L’impegno è quello di sostenere e offrire assistenza anche nei confronti della LND e della FIGC nella fase di avvio dell’attività, di proporre al Consiglio Comunale l’approvazione di tutti gli atti deliberativi necessari per la completa realizzazione del progetto (ovviamente, senza porre questioni di fiducia al Consiglio Comunale stesso, che dovrà serenamente valutare le proposte e decidere in piena autonomia), di garantire l’uso dello Stadio Comunale di Porta Elisa per il campionato di serie D.
Il gruppo Cipriano e gli altri operatori collegati investiranno nella società Sporting Lucchese s.r.l. quanto necessario per il campionato di calcio prossimo nella prevedibile serie D, ma si riservano l’autonoma decisione di ritirarsi fra un anno se da parte del Comune non conseguiranno atti favorevoli alla integrale realizzazione della loro proposta sportivo-imprenditoriale”.

IL PROGETTO
“La Società Sviluppo Sportivo s.r.l. sede in Via Dorati n. 48 – S. Anna (di cui il sig. Giuliani della Cipriano Costruzioni si è fatto portavoce) ha da circa 4 anni proposto all‘Amministrazione Comunale e alla Lucchese Libertas (allora guidata da Grassi e poi da Fouzi) di realizzare un complesso di impianti sportivi polivalenti con annesse attività di richiamo nel campo dello spettacolo, della ricezione alberghiera e nel campo economico, con la garanzia di un ritorno economico-finanziario, capace di assicurare per 20 anni un reddito alla società sportiva, reddito sufficiente per coprire i costi della gestione del calcio. Tale forma di patrimonializzazione delle società di calcio (patrimonializzazione che in questo caso assume la forma di una rendita permanente garantita per ogni anno di attività) è ormai diffusa in altri paesi (Inghilterra e Svizzera, in primis) e si sta realizzando in Italia (Juventus, Sampdoria). La Società Sviluppo Sportivo srl ha perciò individuato e proposto al Comune un’area particolarmente idonea – posta a Nord della Bretella che va da S. Concordio a S. Donato – perché fuori della zona urbana e accessibile dalla grande viabilità esterna. Dopo un primo approccio con l’Amministrazione Comunale di allora, detta società ha proceduto all’acquisto dei terreni che è risultato possibile acquisire e dispone di una vasta area che pare sufficiente; nel caso poi di ulteriore necessità è comunque disposta a proseguire in tale direzione, sempre che vi sia un assenso generale da parte del Comune.
Il progetto edilizio (la cui specifica progettazione, redatta 4 anni fa, deve essere aggiornata e può essere variata secondo una più precisa indicazione della Amministrazione Comunale) comprende una serie polivalente di impianti sportivi, auditorium per lo spettacolo, esercizio alberghiero, ambienti di ritrovo e un esercizio commerciale”.

“L’obiettivo è di dar vita a un centro sportivo polivalente, di interesse territoriale esteso ai Comuni e Province confinanti, idoneo per essere frequentato quotidianamente e non solo per 20-30 giorni all’anno (come accade per gli stadi calcistici) e trovare così un risultato sociale ed economico adeguato all’investimento che richiede.
L’ingombro sul territorio sarebbe inferiore allo stadio attuale, pur disponendo di una capienza superiore per numero di spettatori, perché le tribune dell’impianto calcistico (che troverebbero collocazione nella parte superiore dell’edificio) si sviluppano immediatamente a margine del campo da gioco (senza la pista di atletica). L’economicità della realizzazione del progetto è già stata calcolata dai promotori; dalla copertura degli spazi destinati agli spettatori, inoltre, realizzata con lo scopo di produrre energia elettrica alternativa deriverebbe un provento che – secondo le stime di progetto verificate dall’ENEL – garantirebbe un flusso annuale consistente utilizzabile per il finanziamento della società di calcio.

I PARTNERS DELLA SOCIETA’
“I soci di partenza della S.S. Sporting Lucchese sarebbero al momento la “Società di Sviluppo Sportivo srl”, con i due soci Cipriano Costruzioni e Gruppo Valore, la società “Pagine SI” con Fabrizio Nieri, altri soci lucchesi di cui ignoro il nome; la società sarà comunque aperta ad altri imprenditori locali che vorranno farne parte e agli sportivi”.

VALUTAZIONI E RAGIONI CHE RENDONO CONVINCENTE LA PROPOSTA RICEVUTA
“Nel momento in cui assumevo l’impegno di affidare la S.S. Sporting Lucchese al gruppo Cipriano & C., mi sono chiesto se – non avendo potuto raccogliere e tanto meno sintetizzare i consensi o i dissensi dei diversi gruppi consiliari né dei singoli consiglieri comunali – si potevano prendere impegni nei confronti del gruppo disposto a gestire la nuova società sportiva. Ho ritenuto che, qualora la loro proposta non fosse stata accoglibile, li avrei sconsigliati nel proseguire l’ iniziativa, perché non era giusto creare aspettative su una ipotesi, priva di una minima possibilità di realizzazione. Ho considerato invece possibile l’impegno di presentare la proposta e di sostenerla in Consiglio Comunale. Ecco pertanto le valutazioni che ritengo positive: la realizzazione di un nuovo centro sportivo polivalente è ritenuto da me conveniente per la città, sotto i diversi aspetti, in seguito indicati”.

NUOVI IMPIANTI SPORTIVI
“Lucca beneficerà di una serie di nuovi impianti sportivi: non solo uno stadio per il calcio, realizzato secondo i criteri e le prescrizioni oggi vigenti, ma soprattutto di una serie di nuove strutture per lo sport, attualmente non presenti in città, di un vasto interesse territoriale , capace di attrarre atleti e attività anche dalle altre città vicine per tutti i giorni dell’anno e non solo per le 24/30 giornate di campionato di calcio”.

GARANZIA DI LUNGA DURATA DELLA SOCIETA’ CALCISTICA
“La “Lucchese”, cioè la squadra di calcio cittadina, avrà la garanzia di poter essere autosufficiente per parecchi anni, ricevendo annualmente un provento sicuro dalle attrezzature realizzate, secondo un contratto da stabilire. In tal modo potrà annualmente affrontare il costo delle diverse attività (campionato, squadre giovanili e di formazione, organizzazione, mantenimento dell’impianto di gioco) senza costringere a ricercare sostegni e contributi e senza il rischio di dover individuare ogni tanto nuovi gestori da subentrare ai vecchi”.

ASPETTI URBANISTICI
“La localizzazione del nuovo impianto è prevista nella zona a Nord della bretella SALT che va da S. Concordio a S. Donato, con accesso e uscita dalla bretella stessa, con il vantaggio che la gran parte dei frequentatori non attraverserà le zone urbane, arrivando dalle autostrade, parcheggiando in loco, rimettendosi poi sulle stesse autostrade al momento della partenza. La zona interessata è prevalentemente incolta, presenta problemi di relativa rilevanza in relazione al PAI, facilmente risolubili con interventi di sostegno: si tratta di un corpo omogeneo, abbastanza distante dalla zona abitata”.

ASPETTO ECONOMICO PER IL COMUNE; COSTO ZERO
“L’opera verrebbe realizzata a cura e spese dei privati, senza alcun onere per il Comune. Anche il terreno verrebbe acquisito e messo a disposizione dai privati stessi, il Comune e lo Stato verrebbero altresì a beneficiare di una rilevante economia di oneri e di costi rispetto ad oggi, in quanto non sarebbe più necessario tutta la serie di servizi d’ordine, di modifiche alla circolazione, di segnaletica e di controllo del traffico, che si rendono necessarie oggi essendo lo Stadio di Porta Elisa inserito nel Centro Urbano e lungo importanti direttrici viarie.

ATTIVITA’ PER LO SPETTACOLO E RICETTIVE
Il complesso potrebbe comprendere un auditorium moderno, realizzato secondo la più avanzata tecnologia per quanto riguarda l’acustica e le funzioni dello spettacolo, isolato rispetto all’abitato e quindi capace di dare continuità nel corso dell’anno alle attività di spettacolo; potrebbe comprendere una struttura ricettiva; esercitare in tal modo un richiamo continuativo sul territorio anche dalle città vicine”.

ATTIVITA’COMMERCIALE
“Oltre le attività di somministrazione nei confronti dei frequentatori, è previsto che nel complesso possa essere insediata attività commerciale di grande distribuzione. Tale eventuale insediamento potrebbe avvenire solamente mediante trasferimento di altro esercizio già operante nel territorio comunale. In tal modo si otterrebbero tre effetti positivi: il primo, la eliminazione dal centro abitato di una struttura della grande distribuzione, con indiretto potenziamento delle altre attività commerciali esistenti; il secondo l’acquisizione di utenza extra-comunale, data l’ubicazione dell’esercizio sulle vie di grande comunicazione; il terzo una ridotta accessibilità dalle vie ordinarie e quindi la riduzione dei traffici automobilistici nella zona urbana”.

OCCUPAZIONE
“La realizzazione del complesso polivalente dovrebbe dar vita a posti di lavoro permanenti – a regime – per oltre 150 lavoratori.

In conclusione, se la Sporting Lucchese srl otterrà l’ammissione alla serie D dalla Lega Nazionale Dilettanti avremo tempo per analizzare più a fondo le richieste avanzate in materia urbanistica e discuterne in seno agli organi competenti prima di assumere decisioni ultimative”.

Mauro Favilla


Il Re

Lucchese News – LE INTENZIONI DEL SINDACO FAVILLA UN ANNO FA’…ultima modifica: 2009-06-18T09:38:00+02:00da lucchese1905
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Lucchese News – LE INTENZIONI DEL SINDACO FAVILLA UN ANNO FA’…

  1. Q東方神起のジェジュン、ユチョン、ジュンスは裁判?を起こしましたよね。それなのになんでユノとチャンミンはこの三人と一緒に起こさなかったのでしょう?かなりのハードスケジュールなのに・・・私が思うには今二人とも主演のドラマの仕事を受けているのでそんな中、出来るはずがないのでしょうか?それとも二人は別に何とも思わないのでしょうか?みなさんはどう思いますか?A東方神起がSMの指示したドラマや、広告や放送を拒絶…

Lascia un commento