UN LIBRO DA LEGGERE


LE STRADE DEL TIFO

LE STRA.jpgPagine: 180
Dimensioni: 17 x 24 

 PREZZO € 13,50
 
Stadi, città e informazioni utili per l’appassionato
di calcio dalla serie A alla C2

Riteniamo che conoscere meglio la storia, la tradizione, lo
stadio ed i colori dell’avversario servano a riportare in alto il
valore esemplare dello sport e del calcio in particolare.
Le strade del tifo riporta dati e informazioni che intendono
invogliare il supporter che va in trasferta ad abbinare, alla
partita di calcio, una breve visita turistica della località in
questione. Fare un salto nel passato, quando il calcio era uno
dei mezzi, in alcuni casi l’unico, che il tifoso aveva a
disposizione per viaggiare. Crediamo che anche questo sia un
modo per diffondere una cultura «altra».
Le 132 squadre militanti nei quattro campionati
professionistici sono state inserite in rigoroso ordine
alfabetico. Perché crediamo non esistano distinzioni tra i vari
sostenitori, perché riteniamo che la passione del supporter di
una squadra di un piccolo paese sia esattamente la stessa di
colui che tifa per uno squadrone pluridecorato.
In un momento in cui il calcio italiano sta soffrendo una grave
crisi di identità, crediamo che sia doveroso offrire qualcosa al
tifoso, vera ed unica vittima delle inique e cervellotiche
decisioni delle solite lobbies che da anni governano il mondo
del calcio. La stessa partita non è più «l’evento» ma una delle
tanti componenti che, tutte insieme, determinano l’evento
stesso.
Per molti invece il calcio è ancora fatto di sensazioni, colori,
passione, di cori intonati da curve intere, di grida di
incitamento per i propri colori, di imprecazioni e, ci
mancherebbe altro, di simpatici sfottò.
Una sfida: dimostrare che un altro calcio è ancora possibile,
che è ancora possibile vivere il calcio con serenità,
accompagnando le emozioni che soltanto una partita seguita
sugli spalti può dare al piacere di un buon vino, di un buon
piatto, di un bel monumento. Perché il calcio senza tifosi è
niente, perché lo stadio senza tifosi è niente. Niente è più
freddo e malinconico di uno stadio vuoto.

Come dice John King nel suo celebre Fedeli alla Tribù, «senza
l’urlo e il movimento del pubblico il calcio sarebbe uno zero.
E’ una storia di passione e sarà sempre così. Senza la
passione il football è morto. Solo 22 uomini grandi e grossi
che corrono su un prato e danno calci ad una palla: una gran
cagata. E’ la tifoseria che lo fa diventare una cosa
importante».

 

UN LIBRO DA LEGGEREultima modifica: 2009-02-25T18:46:00+01:00da lucchese1905
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento